Archive for Home

2016: solito anno in più?

 

Avete dei programmi per il prossimo anno? Avete pensato a ciò che vorrete fare per voi, per essere sereni e veramente voi stessi?

 

La fine dell’anno, l’inizio di quello nuovo si prestano ai bilanci e alle creazione di nuove “to do list”, ai nuovi progetti, alla scelta delle idee da sviluppare e di quelle invece da accantonare.

 

Il mio augurio è di scoprire ciò che fa per voi e organizzare i prossimi mesi in modo da poter raggiungere i vostri obiettivi.

 

La parola “obiettivo” ad alcuni di noi suona un po’ meccanicistica, forse fredda, ma per quanto mi riguarda ha il suo senso nello scegliere quello che vogliamo per noi, per dare una direzione alla nostra vita e spogliarci di quello che dobbiamo essere, per mostrarci e vivere finalmente per quello che siamo.

 

Quindi prendiamoci un po’ di tempo per pensare a dove vorremmo essere tra un anno, intanto, e a come poterci arrivare, in seguito.

 

Ma prima di tutto regaliamoci il tempo per pensare a CHI vorremmo essere, a come vorremmo vivere, a quali abitudini ci aiutano in questo percorso e a quali invece saluteremo, per sostituirle con altre più utili.

 

Sì, regaliamoci del tempo, regaliamoci IL tempo.

 

In fondo è questo l’augurio migliore che ognuno di noi può fare a se stesso:

 

Riprendiamoci il tempo, concediamoci il tempo, anche quello che crediamo di non avere!!

 

E insieme al tempo, riprendiamoci il potere e la responsabilità di ciò che ci accade!

 

E allora auguri per un buon 2016 consapevole e vero!!

 

:-)

 

 

Risorse dell’anima

Ecco il primo articolo, nato dalla collaborazione con una bell’anima, Sandra Saporito, e il suo sito

www.risorsedellanima.com!

 

Aiutiamo il nostro corpo ad aiutarci

 

Leggi l’articolo su risorsedell’anima.com!

A presto

Stefania

:-)

Incontri sullo svezzamento

SABATO 9 MARZO 2013

0re 10.00 -12.00

Corso di accompagnamento all’introduzione di cibi solidi

Finalmente avrà inizio, a Novara, il corso di svezzamento naturale!

I primi anni di vita sono fondamentali perché i bimbi imparino a nutrirsi in modo sano, equilibrato e consapevole. Ho scelto, quindi, di accompagnare e sostenere le mamme affinché il momento dello svezzamento sia sereno ed informato.

Gli incontri si svolgeranno con un numero limitato di mamme (o papà!), perché ognuna trovi lo spazio per sé e per le proprie domande.

Il primo incontro si terrà sabato 9 marzo dalle ore 10 alle ore 12 presso Pupulito, in via Costa 43, Novara.

Contributo di partecipazione: 15 euro.

Orario: 10.00 – 12.00

E’ richiesta conferma all’indirizzo email info@pupulito.com

Cosa mangi?

Ce lo diciamo continuamente: siamo quello che mangiamo. Di più, scegliendo ciò che mangiamo, scegliamo anche ciò di cui ci vogliamo o non vogliamo ammalare.

Intendiamoci, non c’è nessuna garanzia che, mangiando nel miglior modo possibile per noi, tutto sarà perfetto. Chi potrebbe darcela? Ci sono, però, delle chiare correlazioni tra alcuni cibi e alcuni tipi di malattie.

So che la resistenza è molto grande, ci hanno cresciuto con la convinzione che senza proteine animali non ci si poteva stare, che facevano bene, un alimento indispensabile e sano. Ora sappiamo, grazie a tanti studi, ma anche grazie alla memoria (che cosa mangiavano i nostri nonni?) che non è così. Ci sono tante persone che si dedicano con passione per comunicare la loro conoscenza, le loro scoperte. Molti studiosi che combattono contro le abitudini radicate, contro la disinformazione e anche, a volte, contro il dolo, di alcune categorie di professioni, che vendendo cibi o farmaci, hanno un grande giro d’affari.

Colin T. Campbell è uno di questi, uno che si è ricreduto, uno che credeva che il latte di mucca fosse l’alimento più salutare possibile e ora lo sconsiglia vivamente.

Ho letto il suo best seller, nome –best seller- che porta a credere che non sia degno di fiducia, che sia equivalente ad un romanzetto…. In realtà significa solo che molte persone l’hanno comperato e letto, che sta girando le case del mondo per raccontarci le sue scoperte, frutto di più di vent’anni di studio, corredate da una bibliografia sostanziosa.

Qualcuno di voi ha già visto il video di The china study?

Sono curiosa di vederlo!