Home

Sono una mamma che ha fatto il suo incontro con il veganesimo quando ha messo in discussione lo svezzamento tradizionale proposto dalla maggior parte dei pediatri: un foglietto striminzito con 3 indicazioni buttate lì e tutte da film horror…

Davanti a quel foglietto ho pensato: non posso dare a mio figlio quello che c’è scritto (liofilizzati, omogeneizzati di carne, parmigiano come se piovesse)!

Il primo libro ad illuminarmi è stato “Abbiamo un bambino” di Grazia Honneger Fresco,

di estrazione montessoriana (è stata una delle sue ultime allieve).

Lì ho realizzato per la prima volta che gli omogeneizzati contengono cibo (se così si può chiamare) vecchio di anni, che sono una comparsa recente (dell’ultimo secolo) e che sono stati inventati per ben altro (come si faceva prima degli omogeneizzati?), che i canini, che compaiono verso i 18 mesi, non si chiamano così a caso, che la carne non è adatta ad un organismo in crescita, almeno fino ai 3 anni (e neanche dopo, ma questo allora non lo sapevo J ).

Da quel momento in poi è stata una continua ricerca di informazioni su come alimentare e nutrire nel modo più salutare possibile il mio bimbo.

Mi si è aperto un mondo: di nuove possibilità alimentari, di scelte di vita:

una valanga che non si è ancora fermata!

La ricerca su internet mi ha dato poche informazioni sullo svezzamento, ho trovato molto utile un sito di una ragazza di Bologna con tre bimbi, http://www.ilveromomon.too.it/  che mi ha dato le prime dritte pratiche e poi…ancora libri (sempre libri! :p)…

Figli vegetariani di Luciano Proietti, su tutti

e il forum  http://www.forumetici.it

E più leggevo e più mi rendevo conto che neanche i latticini erano una soluzione e nel frattempo lavorava dentro di me la consapevolezza di ciò che significa vegan, al di là di cosa uno mangia e di motivazioni salutistiche.

2 comments

  1. sandra scrive:

    anch’io ce l’ho quel libro! E’ veramente fantastico :-D

  2. stefania scrive:

    vero? pensa che me lo sono ricomprato! l’ho prestato e non ricordo a chi. Spero che, a chiunque l’abbia prestato, sia utile :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>